Terrestri: istruzioni per l’uso – Terra, disastri in corso dall’Isis a Sanremo

Malacopia_Terrestri_Giussani.copAl momento, su Terra ci sono una serie di disastri in corso. Nella Tribùucraina la fazione indipendentista sta fronteggiando quella della filotribù russa. Molti Uomochehannopoco stanno annegando nel mare Mediterraneo mentre tentano di raggiungere la sponda abitata dagli Uomochehannomolto. Nei deserti delle tribù mediorientali gli Uomoisis sgozzano Uomo, Uomodonna, Uomobambino e Uomochevannoconaltriuomo. Forse impressionabili per il sangue che Uomo perde quando ferito, in alcuni casi certi Uomoisis preferiscono lanciare le proprie vittime da torri

Tra i disastri più difficilmente comprensibili, c’è quello in corso nella Tribùitalia. Uomo di tutti i sessi, salgono su un palco in località Sanremo per produrre suoni con la bocca superiore facendosi accompagnare da strumenti musicali davanti ad altri Uomo. Ci siamo sintonizzati altre volte in passato notando che:

A_ a distanza di anni non si sono rilevate variazioni negli interpreti sul palco

B_ a distanza di anni non si sono rilevate variazioni negli interpreti sotto il palco

C_ a distanza di anni non si sono rilevate variazioni negli argomenti. Uomo continua infatti a cantare inneggiando a una forma di relazione chiamata “amore” che prevede totale empatia tra gli Uomo, mentre invece continua a confrontarsi con schiumate di rabbia quando è in coda nei moduli di trasporto chiamati auto oltre che a sgozzarsi, spararsi o ignorare gli Uomopoco citati sopra

D_ pare che i soggetti sul palco siano molto ben pagati in valute terrestri, a discapito di quelli giù dal palco che invece pagano per guardare e non vedranno mai in tutta la loro vita la valuta percepita da quelli sopra

E_ molti Uomo tra quelli che pagano, si trovano in  gruppo davanti al proprio monitor personale domestico per commentare cosa succede a Sanremo, cercando di formare giurie o diffondendo le proprie impressioni sul canale Faccialibro credendo che agli altri Uomo ne freghi qualcosa e soprattutto illudendosi di capire cosa succede.

Le caratteristiche ai punti A, B, C, D, ma soprattutto al punto E pare non si manifestino con gli altri disastri. 

Inspiegabilmente, nessuna giuria ha infatti espresso parere su annegati e sgozzati. Dobbiamo quindi ritenere che Uomo non creda molto nell’amore del punto C (difficoltà di comprensione di significato della parole che pronuncia), non riconosca i soggetti del punto A (difficoltà di memoria), non sia interessato alle regolazioni economiche del punto D (mancata cognizione di economia ed efficienza) e creda di essere lui sul palco, meritevole di essere ascoltato per sentirsi esperto in materia (complesso di superiorità e totale mancanza di coscienza dei propri limiti). 

Se nei casi di sgozzamento, lancio da torri o annegamenti si possono intuire incidenti di percorso dovuti ad attriti o casuali malfunzionamenti nella gestione di alcune Uomapp (vedi capitolo Uomapp). Nel caso di Sanremo, la Federazione ha chiesto la classificazione dell’evento tra i virus. Per questo motivo, auspichiamo che, prima o poi, i suoi seguaci siano isolati in recinti e iscritti nel PRSU (Pubblico Registro di Stupidità Universale). Per un paradossale concatenarsi di casualità, la fortuna ha voluto che questi Uomo si ritrovassero tra loro in una quarantena festivaliera, limitando così il danno e permettendo fossero facilmente identificabili su Faccialibro.

…Grüezi a voi!

Stefano Paolo Giussani per malacopia

About the Author:

Da Monza. Ha fatto (anche) le medie e ci sono prove che non ne sia ancora uscito. Scrive ed è in regola coi sacramenti terrestri. Inspiegabilmente, gli hanno dedicato una voce su wikipedia (it.wikipedia.org/wiki/Stefano_Paolo_Giussani) sulla quale si avvale della facoltà di non rispondere. Cammina molto, pedala assai e si premura di differenziare tutto, ma morirà schiacciato da un meteorifiuto indifferenziato alieno.

lascia un commento